E-book meno stancanti dei libri cartacei?

Uno studio di un gruppo di ricercatori tedeschi ha confermato che gli e-book sono più facili da leggere rispetto ai libri di carta soprattutto per gli over 60.

e-book reader

Meglio un e-book o un libro stampato?

La lettura su e-book reader o tablet è più facile che sui libri cartacei. La conferma giunge da un recente studio realizzato da un gruppo di ricercatori della Johannes Gutenberg University Mainz, della Georg August University Gottingen e dell’University of Marburg. Sulla rivista specializzata “Plos One” è stato pubblicato l’intero documento che spiega come nei confronti della fruizione digitale via sia un pregiudizio culturale.
Secondo i test, i lettori meno appassionati di tecnologia, ovvero gli over 60, preferiscono di gran lunga i libri di carta, ma messi in contatto con gli e-book scoprono di sforzarsi meno nella lettura. Il motivo è presto spiegato: i dispositivi digitali consentono di ingrandire le pagine e i caratteri, senza contare il beneficio della retro-illuminazione.
Il team capitanato dal professore di Linguistica Matthias Schlesewsky si è concentrato infatti sulla valutazione dell’origine della preferenza di lettura. Nello specifico nei termini di sforzo neurale richiesto per processare le informazioni lette sui diversi tipi di supporto (cartaceo, reader e tablet).
Nelle interviste sia i giovani che gli adulti hanno esplicitato in senso assoluto la predilezione nei confronti della carta. Quando però si è andati ad analizzare i movimenti oculari e l’attività cerebrale delle sessioni di lettura, si è scoperto che gli anziani ottengono risultati migliori con i tablet dotati di illuminazione e quindi alto contrasto. I parametri che confermerebbero questo risultato sono due: il tempo richiesto per la fissazione visiva e la misurazione dell’attività’ cerebrale con Eeg – per identificare lo sforzo.
Negli adulti di età compresa tra 21 e 34 anni l’esperienza di lettura è simile a prescindere dal supporto. Negli Over 60 il digitale vince a mani basse.
C’è di che stupirsi ancora una volta soprattutto se si considera anche un’altra ricerca dell’Institute for Research in Open, Distance and eLearning di Briga che mette sullo stesso piano le prestazioni in lettura degli e-book reader e dei tablet.
Certo il libro in formato cartaceo ha sempre il suo fascino e l’odore della carta stampata non si può avere sul digitale ma a mio parere vi sono numerosi variabili di cui di solito non si tiene conto nel dibattito sull’argomento. Sempre più spesso a prescindere dall’edizione (pocket, rilegata o economica) la qualità della stampa è discutibile il prezzo è più elevato, il peso è maggiore ed anche la trasportabilità e quindi la possibilità di leggere un libro fuori da casa è sicuramente a favore dell’ e-book,  ma soprattutto la conservazione del libro richiede spazi enormi rispetto al formato digitale. Un carattere tipografico non ben definito può essere di difficile lettura invece gli e-book reader offrono maggiori opzioni di personalizzazione e un’esperienza di lettura di poco inferiore. I tablet invece, proprio per la retro-illuminazione, sembrano (apparentemente) essere un po’ più stancanti.

 

Annunci

Informazioni su Antonio Tomarchio

Poeta e scrittore. Autore dei libri "Il Robot e altre storie" e "Il Mostro". Vedi tutti gli articoli di Antonio Tomarchio

2 responses to “E-book meno stancanti dei libri cartacei?

  • tomnj

    La natura ringrazia, meno libri stampati = meno alberi abbattuti, secondo me dovrebbero essere utilizzati anche a scuola si eliminerebbe il problema del peso degli zaini sulla schiena dei ragazzini.

    • Antonio Tomarchio

      Condivido pienamente :-).. il progresso offre opportunità per il miglioramento della nostra vita che sarebbe stupido non utilizzare. Sarebbe come andare a piedi quando le automobili ti permettono di arrivare prima e andare più lontano. Avere la possibilità di tenere nel taschino migliaia di libri senza dover distruggere dei poveri alberi è qualcosa a cui non si può rinunciare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog IIS Giorgi milano prof. manna

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Chiarasaracino's Blog

essere distanti

Merlin Chesters

Wizard, archaeologist, historian

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

LIVINGWOMEN

scrittura arte teatro musica scuola cultura fotografia società gender sostenibilità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: