BAMBOLA

bambola
Tu non sai cosa significa
vivere, soffrire, desiderare,
svegliarsi una mattina
e sentir piangere se stessi,
avere un cuore che,
da troppo tempo ormai,
attende solo amore,
tu non sai cosa significa
annegare in un bicchiere,
fuggire dentro nuvole di fumo,
sentirsi morire e
non poter reagire,
tu non sai cosa significa
esser soli, stanchi di tutto
anche del niente,
tu non puoi sapere
perché sei solo un burattino
col sorriso stampato sul viso,
una bambola con la testa di legno,
sei un errore della natura,
una beffa per chi non si da pace,
per chi soffre veramente,
per quelli che, come me,
non sanno più cosa fare.
Annunci

Informazioni su Antonio Tomarchio

Poeta e scrittore. Autore dei libri "Il Robot e altre storie" e "Il Mostro". Vedi tutti gli articoli di Antonio Tomarchio

22 responses to “BAMBOLA

  • aury14

    “svegliarsi la mattina e sentir piangere se stessi…” mi ha toccato l’anima, come il resto di questa poesia. xx

  • tramedipensieri

    “Tu non sai cosa significa
    vivere, soffrire, desiderare…”

    “sei soltanto un burattino, …una bambola con la testa di legno..”

    😦

    Buona giornata Antonio
    ciao

  • marinacamerini

    E’ una poesia, toccante, triste, ma forse anche un po’ presuntuosa.

  • marinacamerini

    perché ci percepisco come un senso di superiorità quasi offensiva. Un sentimento condiviso dai decadentisti.

    • Antonio Tomarchio

      Essere un decadentista non è una cosa negativa se consideri che erano decadenti Ungaretti, Quasimodo, Pascoli, D’Annunzio e tanti altri. Comunque io ci vedo più un senso di invidia per chi non soffre perché non coglie nella vita il dolore, la sofferenza, la solitudine, la tristezza di cui è intrisa. Tutti vorremmo essere felici, ma c’è chi non ci riesce, indipendentemente dalla vicende della propria esistenza, perché vede solo il lato negativo delle cose e in questo la somiglianza è più con Leopardi. Sono d’accordo con te per ciò che riguarda lo stile che non è assolutamente paragonabile con la perfezione metrica dei poeti del romanticismo.

  • marinacamerini

    purtroppo il decadentismo è stato anche culla di elementi molto negativi come il fascismo e il nazionalsocialismo poiché alcuni uomini hanno iniziato a sentirsi superiori ad altri…. Però hai ragione nell’infelicità c’è un forte senso di superiorità intellettuale… in fondo chi è sempre felice forse è anche un po’ cretino che dici?

    • Antonio Tomarchio

      L’intelligenza è difficile da misurare, qualche anno fa ho fatto un test del Mensa per misurare il Qi e ho ottenuto il punteggio di 145 (praticamente un genio) ma ti assicuro che tutta questa intelligenza non mi è servita a niente. Per il raggiungimento della felicità non basta essere stupidi ma bisogna avere la capacità di accontentarsi, di pensare sempre in modo positivo, bisogna avere il supporto degli amici, un amore appagante, un pizzico di fortuna e tanti altri elementi che non sempre è facile identificare.

  • viola

    Buongiorno Antonio ,ho letto la poesia ….Posso sapere chi é questa bambola che ti fa soffrire .Nel mondo femminile ci sono donne e donne anche quelle brave che non sono bambole mache sanno dare amore e rispettare l’uomo .buon pomeriggio 😉

    • Antonio Tomarchio

      Cara viola, non c’è nessuna bambola che mi fa soffrire 🙂
      La poesia si riferisce in generale alle persone insensibili che non possono capire i turbamenti di un’anima sensibile che soffre e non trova pace. Un buon pomeriggio anche a te. 🙂

  • ludmillarte

    ci sono persone insensibili, caro Antonio, questa è la realtà. non sanno o non vogliono calarsi nei panni altrui e sembrano veramente burattini col sorriso stampato.
    caro saluto

    • Antonio Tomarchio

      Cara Lud, che possiamo farci? Beati loro, non possiamo che invidiare la loro incapacità di soffrire, la loro indifferenza e la loro superficialità. Siamo noi quelli sbagliati, o no? Ciao.

      • ludmillarte

        beh…soffriremmo molto meno ma, se fatti così, che ci si può fare?

      • Antonio Tomarchio

        Mi sono chiesto spesso come sarebbe la mia vita se fossi diverso, se fossi come quelle persone a cui interessa solo il denaro, che non vengono mai scalfiti da nulla, che sono sempre sicuri di se stessi e non si curano di null’altro oltre i propri interessi. Non sarei più io e non mi piacerebbe essere diverso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La Lettrice Assorta

"Non ci sono libri morali o immorali. Ci sono libri scritti bene e scritti male" (Oscar Wilde)

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Blog IIS Giorgi milano prof. manna

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

chiarasaracino's Blog

essere distanti

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: