Archivi del mese: aprile 2014

No

Antonio Tomarchio

no
No! Non sarà il freddo legno di una bara
o l’isterico pianto di una madre
a farmi accettare la morte,
né la vana speranza dei credenti.
Il destino ha riservato per noi
un ignobile fine nelle tenebre della terra.
Oh Dio! Perché non esisti?
Perché non prometti anche a me vita eterna?
Perché non fai che io viva oltre me stesso?
Oltre il mio corpo,
perché non concedi anche a me
l’illusione e il conforto che ad altri concedi?
No! Non saranno questi inutili versi, né altri,
a sottrarmi dal pasto di famelici vermi,
non sono io così grande da vivere oltre la mia vita.
Uomo, quale disperazione,
quale infinita vanità è la tua esistenza,
ti basterà piangere e soffrire per dimenticare?
Ti basterà ridere e gioire per sopportare?
Ci sarà mai qualcuno che toglierà
dalla vita e dalla morte
questa eterna solitudine?

View original post

Annunci

Qualcosa di lei

Qualche cosa di lei…
c’è qualcosa di lei
che rimane smarrita
perchè le sfuggì,
ora resta mia,
non credo tornerà
a riportarla via…
Credo no.
Le riviste e una lista di cose da fare
e disfare perchè…
sopra scritto c’è :
” meglio dimenticare ”
credo rivolto a me,
indubbiamente proprio a me.
La boccetta di un certo profumo
che esala così come me..
sopra scritto c’è
” Nuvole su di te ”
e sa di rosa ma…
rosa rosa più non è…
E’ partita con i suoi occhi e lascia la matita,
poco di rossetto,
un orologio rotto e un fazzoletto.
Io credo che, in fondo in fondo,
son segni del suo dispetto,
dice così:  “sei tu… che non mi servi più ”
Poi c’è dell’altro…
la scatolina con il borotalco,
mughetto inebriante e bianco.
Che spina qui nel mio fianco!
dice così: “sei tu… polvere e niente più “.
Altre cose di lei,
in un libro, una foglia
e un pensiero d’addio,
in un biglietto che
dice rivolto a me:
” Eri l’amore mio… ”
e poi c’è… c’è dell’altro ancora,
la sottoveste di colore aurora.
Fiocchi di cotone,
le caramelle al gusto di lampone
e plastica trasparente,
prudente per quando piove,
spero non pioverà
se no si bagnerà…
C’è un orsetto di pezza
prima era dolce
adesso mi disprezza.
C’è un po’ di silenzio,
ma mi ossessiona il battere del cuore,
inchioda per ore ed ore,
ritratti del triste amore,
dice così: “sei tu… non mi trattieni più ”
oh! oh!
ma insomma!
Il mondo è solo…
e lei non si è ricordata
di avermi dimenticato…
siamo distratti noi…

MIRAGGI

Antonio Tomarchio

miraggi
Su questa sabbia rovente,
in cerca di acqua, vago da sempre,
il sole acceca i miei occhi,
mi ruba le forze,
mi sconvolge la mente,
ed in questo immenso deserto
soltanto miraggi lontani.
Ad un tratto cado stremato,
che destino crudele,
dopo tanta fatica,
dover morire assetato.

View original post


Ohi nè

 

Come sei piccola,
piccola mia,
come possiamo capirci
noi due?
Come si può?
Come si fa?
Anni da ridere,  piccoli i tuoi,
io rido meno
nel pieno dei miei.
Nel mio giardino che
spesso fiorì,
amori e no,
che dissipai.
Ho visto cuori morire così,
che non si spiega morire così
e non servì,
dire di no.
E le mie mani volavano via,
come carezze
e come pazzia.
Tutte le storie aspettavano me,
perchè è così che
si vive.
così..
Mi ferì
qualche bacio sulle labbra
ohi, Ne’!
mi colpì
uno schiaffo innamorato
ohi Nè!
Ricordandomi,
io mi sento più tentato
di cadere nel peccato del passato
e prima o poi cadrò.
Mi addolcì,
qualche sguardo
e un corpo caldo,
ohi Nè!
Mi stupì,
che ci fossi
anch’io sul mondo,
ohi Nè!
Ricordandomi,
io mi sento sempre più tentato,
torno a costeggiare il mare del passato
e prima o poi
cadrò.
Da quelle sabbie profonde
verrà
quel che i ricordi han deciso per noi
e prima o poi raffiorerà.
così…
Tu mi dai,
baci nuovi ed un corpo caldo,
ohi Nè!
Tu mi dai
uno schiaffo innamorato
ohi Nè!
E’ così che
sarò ferito…
Io sarò ferito…

ESSERE E VOLER ESSERE

Antonio Tomarchio

essere e voler essere
Vorrei poter diventare un quadrifoglio
oppure un uragano sul mare,
vorrei essere un oasi nel deserto
oppure vorrei poter volare,
invece sono uno tra miliardi,
un granello di polvere
che il vento trascina con sé,
sono l’ infinitamente piccolo
perduto nell’ infinitamente grande.

View original post


Guarda l’alba

 

Già natale il tempo vola,
l’incalzare di un treno in corsa,
sui vetri e lampadari accesi nelle stanze dei ricordi,
ho indossato una faccia nuova,
su un vestito da cerimonia
ed ho sepolto il desiderio intrepido di averti affianco,
Allo specchio c’è un altra donna,
nel cui sguardo non v’è paura,
com’è preziosa la tua assenza
in questa beata ricorrenza,
ad oriente il giorno scalpita non tarderà..
Guarda l’alba che ci insegna a sorridere,
quasi sembra che ci inviti a rinascere,
tutto inizia,
invecchia,
cambia,
forma,
l’amore tutto si trasforma,
l’umore di un sogno col tempo si dimentica..
Già natale il tempo vola,
tutti a tavola che si fredda,
mio padre con la barba finta
ed un cappello rosso in testa
ed irrompe impetuosa la vita nell’urgenza di prospettiva.
Già vedo gli occhi di mio figlio
e i suoi giocattoli per casa,
ad oriente il giorno scalpita,
la notte depone armi e oscurità..
Guarda l’alba che ci insegna a sorridere,
quasi sembra che ci inviti a rinascere,
tutto inizia,
invecchia,
cambia forma,
l’amore tutto si trasforma,
persino il dolore più atroce si addomestica,
tutto inizia,
invecchia,
cambia,
forma,
l’amore tutto si trasforma,
nel chiudersi un fiore al tramonto si rigenera..

IL MIO MONDO

Antonio Tomarchio

il mio mondo
Un mondo distrutto dalle guerre,
spazzato dai venti,
percosso dalle tempeste,
un mondo bruciato dal fuoco,
inondato dai mari,
questo è il mio mondo
ed è difficile resistere
sapendo che è dentro me
e non trova pace.

View original post


La Lettrice Assorta

"Non ci sono libri morali o immorali. Ci sono libri scritti bene e scritti male" (Oscar Wilde)

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Blog IIS Giorgi milano prof. manna

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

chiarasaracino's Blog

essere distanti

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: