No

Antonio Tomarchio

no
No! Non sarà il freddo legno di una bara
o l’isterico pianto di una madre
a farmi accettare la morte,
né la vana speranza dei credenti.
Il destino ha riservato per noi
un ignobile fine nelle tenebre della terra.
Oh Dio! Perché non esisti?
Perché non prometti anche a me vita eterna?
Perché non fai che io viva oltre me stesso?
Oltre il mio corpo,
perché non concedi anche a me
l’illusione e il conforto che ad altri concedi?
No! Non saranno questi inutili versi, né altri,
a sottrarmi dal pasto di famelici vermi,
non sono io così grande da vivere oltre la mia vita.
Uomo, quale disperazione,
quale infinita vanità è la tua esistenza,
ti basterà piangere e soffrire per dimenticare?
Ti basterà ridere e gioire per sopportare?
Ci sarà mai qualcuno che toglierà
dalla vita e dalla morte
questa eterna solitudine?

View original post

Annunci

Informazioni su Antonio Tomarchio

Poeta e scrittore. Autore dei libri "Il Robot e altre storie" e "Il Mostro". Vedi tutti gli articoli di Antonio Tomarchio

14 responses to “No

  • gianpiccoli

    Preghiera di un ateo che non ci sta?
    A noi prescrisse il fato illacrimata sepoltura (Foscolo)
    Una galleria piena di luce , ove avanzi lentamente e la luce si affievolisce fino a sparire….. Forse sarà cosi?
    Un abbraccio
    Giancarlo

    • Antonio Tomarchio

      Credere nella vita eterna, nel paradiso, nell’aldilà, da un senso alla nostra esistenza, ci dona un’illusione che rende meno amaro il nostro vivere terreno. Io purtroppo non sono un credente e non perché ho scelto di non esserlo ma perché non riesco a credere neanche sforzandomi. Io vorrei illudermi che quando il mio corpo morirà, continuerò a vivere in un posto migliore in cui sarò felice e non proverò nessun dolore e nessuna sofferenza, ma come si fa a credere a una assurdità simile? La fede è un dono, è come una droga che ti offusca il cervello, che ti fa sembrare bello anche ciò che è orribile, che non ti fa sentire dolore e che ti da una speranza. Ovvio che mi piacerebbe credere e in questa poesia mi rivolgo al vostro Dio chiedendogli perché non ha voluto donare anche a me la fede, perché non ha voluto concedermi questa illusione. Un abbraccio.

  • gianpiccoli

    Non è stato sicuramente Dio a indurre gli uomini a credere, ma piuttosto la paura.
    Credere è del tutto soggettivo, nessuno impara a non credere, semmai può succedere il contrario, alcuni si convertono, ma occorre una scintilla che , evidentemente, tu stai aspettando…..
    Comunque vada qualche scritto ti sopravviverà….
    Un abbraccio poeta.
    Giancarlo

    • Antonio Tomarchio

      I cattolici dicono che la fede è un dono, così mi sono permesso di “rimproverare” il loro Dio per non aver voluto fare anche a me questo regalo. So bene cosa spinge le persone a credere, so qual’è il motivo per cui non possono accettare che la vita finisca nel nulla. È qualcosa di più della paura, è uno smarrimento che la loro razionalità non può metabolizzare. La nostra intelligenza è un’arma a doppio taglio perché ci toglie delle illusioni senza fornircene di nuove e illudermi che resterà qualcosa di me, quando non ci sarò più, non mi è di nessun conforto. L’unica scintilla potrebbe essere l’apparizione di Dio o della madonna, ma forse anche in questo caso penserei di avere le allucinazioni. 😉 Ciao Giancarlo, un abbraccio.

  • lilasmile

    Io sono credente ma ritengo che l’unica cosa che ci può far ammirare la vita è sapere che ci sono le Persone con la P maiuscola dotate di sensibilità, il saper costruire un filo tra me e queste persone, persone come te (anche se non lo pensi). Solo la grandezza del nostro vissuto ci può dare la vera gioia. Molto bella la tua poesia!

  • dallacollinaguardosotto

    Non so come sará,ma accadrá,per tutti. Con l’etá si accetta questa scadenza,senza troppo interrogarsi,ma solo col timore di soffrire nel passaggio.

  • tramedipensieri

    Questa è la vita da vivere, bene o male…altro non penso che ci sia.

    buona giornata
    .marta

  • afinebinario

    Io per non sbagliare cerco di vivere ogni giorno al meglio.
    ti abbraccio Antonio 😉

  • Personale Femminile

    ancora non riesco ad accettare la morte…
    Ho perso una persona cara e non me faccio una ragione
    Con la sua perdita ho imparato a vivere giorno per giorno al meglio..domani potrebbe essere troppo tardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La Lettrice Assorta

"Non ci sono libri morali o immorali. Ci sono libri scritti bene e scritti male" (Oscar Wilde)

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Blog IIS Giorgi milano prof. manna

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

chiarasaracino's Blog

essere distanti

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: