Archivi del mese: gennaio 2016

Un papà

images

 

                Marco era un ragazzo esile e solitario, aveva lo sguardo sempre perso tra le nuvole a inseguire pensieri e sogni. Aveva avuto un’adolescenza difficile, passata a sfuggire al bullo di turno, aveva ottenuto il diploma con fatica per la poca volontà di andare a scuola ad affrontare ragazzi ostili e cattivi. C’era lei però, Valeria che era stata un’amica dolce e preziosa, l’unica a capire il suo disagio e a restargli vicino nei momenti più difficili. Una grande amicizia che si trasforma in amore, un sentimento forte che diventa matrimonio e, dopo qualche anno, un figlio desiderato e amato che fortifica un legame fatto di rispetto e fiducia. La vita di Marco sembrava finalmente felice, anche se sentiva sempre un vuoto dentro, fatto d’insoddisfazione e paura.
Una sorte malevola e dispettosa aveva portato via la sua Valeria per una stupida complicazione durante il parto. Era rimasto solo con il suo bambino, l’unica ragione della sua vita, un amore più grande di tutto. Occuparsi di suo figlio Giorgio, era diventato il suo unico motivo per vivere quella vita che, in fondo, non aveva mai amato.
Era passato più di un anno quando conobbe Franco. Si erano conosciuti in un bar e avevano subito legato. Erano entrambi attratti da qualcosa d’inspiegabile, da qualcosa cui erano sfuggiti per anni rinnegando se stessi e i propri desideri più intimi e personali. Un amore vero, diverso da quello che aveva provato per la sua Valeria, un legame troppo forte, una catena che nessuno poteva spezzare.
Trascorsero insieme dieci anni felici, si unirono civilmente e la loro famiglia era solida e serena. Giorgio cresceva sano e felice e amava i suoi due papà che si occupavano di lui senza mai fargli mancare nulla. Quella sorte malevola e dispettosa aveva voluto prendersi ancora gioco di lui e quando Marco aveva creduto di aver raggiunto la felicità e si sentiva finalmente appagato e pieno di voglia di vivere, fu colto da un malore e morì in breve tempo.
Fu enorme il dolore del piccolo Giorgio che aveva però ancora un papà, un àncora cui aggrapparsi per sostenersi e un amore forte e bello come quello che solo un papà può darti. Franco amava il figlio di Marco come fosse suo e avrebbe sacrificato la vita per il suo bambino.  Un giorno però, senza neanche aspettare che il dolore si fosse placato, si presentarono alla porta di casa sua due donne dei servizi sociali e due carabinieri. Gli mostrarono un foglio di carta firmato da un giudice in cui c’era scritto che avrebbero portato via il bambino perché lui non aveva alcun diritto. La legge non gli aveva consentito di adottare il figlio del suo amore e ora quel bambino, che non aveva più né un padre né una madre biologica, sarebbe finito in un orfanatrofio e non sarebbe più potuto stare col suo papà.
Franco provò a reagire, tentò di impedire che portassero via il bambino ma un carabiniere lo trattenne e guardandolo con disprezzo gli urlo:

<< Stai fermo o ti arresto per oltraggio a pubblico ufficiale, frocio di merda>>.

 


Imparando a volare.

1994 Settembre

11 settembre 2001

Il lungo marciapiede scorreva sotto i suoi passi lenti. I tacchi a spillo suonavano un ticchettio cadenzato e incessante su quella lingua di cemento grigio. Era quasi arrivata. Il grattacielo si ergeva maestoso e sembrava che osservasse stupito, dall’alto della sua cima, quei piccoli esseri frettolosi e incerti ai suoi piedi. Entrò e l’immensa hall la lasciò a bocca aperta. Una città di oltre cento piani con uffici, ristoranti, negozi e migliaia di persone indaffarate come formiche che si muovono veloci nel loro formicaio.
         Si diresse all’ascensore guardandosi intorno, nessuno la notò e nessuno avrebbe potuto fermarla, risoluta com’era nella sua decisione. Le luci indicavano i piani in un display azzurro mentre le sue orecchie sembravano come immerse in un liquido e i suoni arrivavano ovattati e incomprensibili. Deglutì più volte finché la campanella, che indicava l’apertura della porta, risuonò chiara nei suoi timpani. Pochi passi ancora e avrebbe raggiunto la sua meta. L’ascensore era giunto all’ultimo piano ma lei doveva ancora salire delle scale per raggiungere la terrazza, il suo obiettivo finale.
         Il cielo terso e azzurro apparve ai suoi occhi abbagliati dal sole. Le girava la testa e il respiro era affannato. Il cerchio infinito dell’orizzonte era l’unico limite al suo sguardo come un lungo nastro che avvolge un’immensa sfera di cristallo. I suoi sensi vacillavano e un’attrazione fatale la spingeva ad avanzare verso il cornicione. Non riusciva a distogliere gli occhi da quel cielo infinito, allargò le braccia come un bambino che attende di essere sollevato dal papà. Un vento gelido la accolse facendo tremare le deboli gambe. Si sentiva leggera, svuotata da ogni piccola o terribile vicenda che l’aveva spinta lassù.
         La sua anima stava imparando a volare staccandosi dal quel peso terreno opprimente. I lacci che la legavano alla terra si erano spezzati e il suo sguardo si era perduto in quell’azzurro. Il suo cuore impazzito e agitato pulsava come se dovesse pompare sangue nelle sue grandi ali. Con gli occhi pieni di lacrime vide quell’ombra avvicinarsi, sentì il rombo del motore e l’esplosione di migliaia di vetri. Il caldo alito dell’inferno e l’orribile lezzo che emanava la avvolsero. Non erano le sue gambe che tremavano adesso, l’intero grattacielo oscillava e vibrava rumorosamente. Intuì che non c’era possibilità di ripensamenti, che quello era il suo giorno. Quello era il giorno in cui avrebbe imparato a volare o si sarebbe schiantata.

 


A me ricordi il mare

spiaggia_ksamil.jpg
             Sai cos’è bello, qui? Guarda: noi camminiamo, lasciamo tutte quelle orme sulla sabbia, e loro restano lì, precise, ordinate. Ma domani, ti alzerai, guarderai questa grande spiaggia e non ci sarà più nulla, un’orma, un segno qualsiasi, niente. Il mare cancella, di notte. La marea nasconde. È come se non fosse mai passato nessuno. È come se noi non fossimo mai esistiti. Se c’è un luogo, al mondo, in cui puoi pensare di essere nulla, quel luogo è qui. Non è più terra, non è ancora mare. Non è vita falsa, non è vita vera. È tempo. Tempo che passa. E basta.

Alessandro Baricco.


Gli uomini sono tutti idioti?…. le donne sono tutte puttane?

Ribloggo questo vecchio post perché ci sono ancora persone che continuano a cercare di catalogare gli altri e non si rendono conto che non esiste solo il bianco o solo il nero ma infinite sfumature di grigio. Non si può racchiudere culture, intelligenze, abitudini diverse in una sola definizione né si può distinguere le persone per razza, religione o sesso. Odio chi dice “quelli sono tutti così” sia perché non li conosce tutti e quindi non può giudicarli sia perché, anche se appartengono ad uno stesso genere, questo non li rende uguali. Chi dice ” i musulmani sono tutti terroristi” o “i politici sono tutti corrotti” o “gli italiani sono tutti mafiosi” dimostra soltanto di essere una persona ignorante, piena di pregiudizi, presuntuosa e stupida e, forse, queste persone sono le uniche che possono essere catalogate e possibilmente emarginate.

Antonio Tomarchio

images

Qualche tempo fa, durante una chiacchierata tra colleghi d’ufficio, ho sentito un’affermazione che mi ha lasciato stupito: “Le donne sono tutte puttane”.
Io non faccio l’avvocato ma mi sono sentito in dovere di verificare che quest’affermazione fosse basata su fatti concreti e non fosse solo un’illazione di un poveraccio frustrato, vittima delle donne o rifiutato da quest’ultime. Così gli ho risposto: Al mondo esistono circa tre miliardi di donne, per fare una statistica affidabile bisognerebbe valutarne almeno il 10% quindi circa 300 milioni, per fare una statistica accettabile bisognerebbe valutarne almeno 1% cioè circa 30 milioni, per fare una statistica poco affidabile, ma sulla quale si può comunque esprimere un’opinione, bisognerebbe valutarne almeno lo 0.01% cioè 300.000.
Tu caro collega avrai conosciuto sì e no tre donne, tua nonna, tua madre e tua moglie o al massimo quattro se hai anche una figlia, quindi il tuo campione rappresenta meno dello…

View original post 137 altre parole


Insieme

copertina il mostro
…      I suoi occhi erano di un verde appena accennato ed erano lucidi come quelli di chi ha pianto a lungo. Quello sguardo profondo era perso in mille pensieri e nel tormento di un’anima che ha provato troppa sofferenza ma che non si è ancora rassegnata a una vita di disagi e umiliazioni. Le sue dita lunghe e sottili tremavano leggermente nel sostenere la tazzina del caffè ma una strana forza, mista a un’incredibile determinazione, gli aveva dato il coraggio di prendere quella decisione.
            <<Papà viene con noi?>>
            <<Papà se n’è andato.>>
            <<Quando ritorna?>>
            <<Non tornerà più.>>
            <<Perché è andato via? Avete litigato di nuovo?>>
            <<Smettila di fare domande e finisci di vestirti.>>
            <<Mamma mi allacci le scarpe che io non sono capace?>>
            <<Certo tesoro. Scusami amore mio se sono stata sgarbata, ma non mi sento bene. Vedrai che le cose cambieranno. Andremo ad abitare in una bella casa, tutta nostra, avremo tutto quello che desideriamo e non ci mancherà mai niente. Andrai a scuola con dei vestiti nuovi e di marca, come quelli dei tuoi compagni, non ti mancheranno mai né il cibo né i giocattoli. Ti comprerò quel computer che ti piaceva e saremo tanto felici.>>
            <<Io sono felice, mamma. Vorrei solo che papà tornasse presto perché mi manca.>>
            <<Lo vorrei anch’io, tesoro, ma non credo che succederà mai. Papà non sopportava più di vivere così e ci ha lasciati, è partito senza dire dove sarebbe andato.>>
            <<Mamma, ma se cambiamo casa, come farà papà a trovarci se decidesse di tornare?>>
            <<Gli lasceremo il nuovo indirizzo, non preoccuparti.>>
            <<Io sono pronto. Posso portare George con me?>>
            <<Certo, anche se non capisco cosa ci trovi in quel maiale di pezza.>>
            <<Lui è il mio amico.>>
            <<Ok, andiamo.>>
            La donna si era guardata intorno come se cercasse qualcosa tra le pareti della sua casa o come se cercasse di rivivere per l’ultima volta quei ricordi di cui quelle mura erano intrise. Abbassò lo sguardo, afferrò con una mano le chiavi di casa e con l’altra strinse la mano di suo figlio. Uscirono, chiudendo dietro di loro la porta, senza voltarsi scesero le scale fino a giungere in strada.
            Una piccola auto li attendeva, arroventata dal sole. Nonostante fosse ancora presto, il sole aveva già reso le lamiere dell’auto così calde che era impossibile toccarle. La donna aprì lo sportello, abbassò i finestrini e, dopo aver atteso qualche minuto che la macchina si fosse raffreddata, fece salire sul sedile posteriore il suo bambino. Dopo qualche tentativo di avviare il motore, l’auto partì liberando nell’aria una piccola nuvola di fumo nero.
            La strada era piena di macchine e gli altri automobilisti urlavano e imprecavano suonando incessantemente i clacson. Teresa non sentiva quel frastuono, era assorta nei suoi pensieri, fissava la strada sorreggendosi il viso con la mano sinistra e tenendo il braccio appoggiato allo sportello dell’auto. All’improvviso un urlo di suo figlio la fece trasalire, si voltò alla sua destra e vide che un uomo con un borsone si era introdotto nella sua vettura e si era seduto sul sedile anteriore. Lo sconosciuto aveva un aspetto gradevole, era vestito con abiti casual ma di marca e quindi anche costosi. Il viso era curato e i lineamenti non sembravano quelli di un delinquente, anzi il suo aspetto sembrava quello di un manager d’azienda.
            <<Chi è lei? Scenda subito dalla mia macchina!>> aveva urlato, terrorizzata.
            <<Stai zitta e non ti succederà niente>>, disse l’uomo puntandole una pistola contro un fianco.
<<Che cosa vuole? Noi non abbiamo niente>>, rispose Teresa mentre alcune lacrime rigavano il suo viso.
            <<Stai tranquilla, cazzo. Non voglio farvi del male, ho solo bisogno di un passaggio.>>
            <<Puoi prendere la mia macchina ma lasciaci andare.>>
            <<Che cosa me ne faccio di questo catorcio? Ho bisogno di qualcuno che guidi al posto mio e tu eri l’unica con lo sportello con le chiusure alzate.>>
            <<Non farci del male, per favore.>>
            <<Tu devi essere stupida o non mi stai ascoltando. Ti ho detto che mi serve solo un passaggio e se non farai cazzate non vi succederà nulla.>>
            <<Mamma, ho paura!>> urlò il bambino, piangendo.
            <<Fallo stare zitto!>>
            <<Stai tranquillo amore mio, non piangere. Non ci succederà niente.>>
            Teresa aveva superato la paura iniziale e nei suoi occhi c’era una strana luce come se avesse colto in quello che le stava succedendo un’opportunità.
            <<Che cazzo hai da guardare, pensa a guidare>> esclamò l’uomo, puntando di nuovo la pistola contro il suo fianco.
            <<Non puoi pretendere che il bambino stia tranquillo se continui a spaventarlo con quella pistola.>>
            <<Hai ragione ma non mi piace il tuo sguardo. Non farti venire strane idee in testa o non ne uscirete vivi.>>

Puoi leggere il racconto completo acquistando “Il Mostro”

 


Un po’ de “Il Robot cap. 3”

copertina il mostro

<<Ciao Lucas.>>
<<Ciao Joshua. Come hai fatto a trovarmi?>>
<<Mi ha detto Buby che non stai tanto bene e che ti avrei trovato qui. Che fai?>>
<<Niente, ripensavo a quante volte da bambini siamo stati qui a giocare e a pescare. Ti ricordi il cinguettio degli uccellini, le rane, i pesci, era un luogo pieno di vita e adesso questo lago sembra morto, non si sente più nessun rumore.>>
<<Già, l’inquinamento sta distruggendo tutto. Mio padre mi diceva sempre che non tutti i mali vengono per nuocere. Chissà, forse le lucertoline non sono arrivate qua per caso. Forse era destino che salvassero il nostro mondo dalla distruzione.>>
<<Che cosa vorresti dire?>>
<<Quello che è successo in questo lago sta capitando dappertutto. La Terra non è più in grado di sopportare quello che gli stiamo facendo. Abbiamo bisogno di quel metallo, è la sola speranza che abbiamo per posticipare una fine inevitabile.>>
<<Dici che non ce la caveremo senza?>>
<<Non lo so, ma di certo non possiamo continuare così. Il clima, l’ambiente, tutto sta cambiando in peggio. La nostra sopravvivenza è in serio rischio se non facciamo qualcosa. O rinunciamo al progresso e ripartiamo da zero o abbiamo la necessità di trovare dell’energia pulita. Nonostante ci sia una crisi demografica, noi umani siamo sempre troppi per riuscire a sopravvivere ancora per molto con lo stesso tenore di vita.>>
<<Pensi quindi che abbiano fatto bene? Che il fine giustifica i mezzi?>>
<<No, quello che hanno commesso è un crimine e non può essere giustificato ma ormai è stato fatto, non si può più tornare indietro. Cerchiamo di fare in modo che sia servito a qualcosa, che non sia stato inutile.>>
<<Io sono stanco Joshua, non mi va più. Ho creduto davvero che avremmo fatto del bene, che avremmo cambiato il mondo con i nostri robot e invece anche noi siamo responsabili. Abbiamo contribuito affinché potesse succedere quello che è accaduto, li abbiamo uccisi anche noi.>>
<<È vero! Che cosa vuoi che ti dica? Lo avrebbero fatto lo stesso però, anche senza di noi. Se adesso abbandoniamo tutto, non potremo fare niente per rimediare. Non potremo impedire che anche i pochi superstiti della bomba siano eliminati dai coloni che andranno a prendere il metallo. Quel pianeta rinascerà, le nuvole scompariranno e tornerà a vivere ma dobbiamo fare in modo che non sia distrutto da gente che pensa solo al profitto e non ha rispetto di nulla.>>
<<Forse hai ragione ma io non voglio più continuare, ne ho abbastanza di dover sopportare gente come mio padre. Sono stufo di essere usato e manipolato. Ho solo voglia di andar via, voglio un posto tranquillo e isolato, un’isola lontana da tutto questo, dal progresso, dall’arrivismo, dall’avidità, dalla smania di ottenere tutto a qualunque costo.>>
<<Ti vuoi arrendere?>>
<<Sì, ho bisogno di andarmene. Cercati un altro direttore commerciale.>>
<<Devi crescere Lucas, non puoi fuggire sempre. Hai delle responsabilità verso chi ti vuole bene, non puoi abbandonare tutti e scappare come facevi da bambino.>>

Auguri!

Tanti auguri a tutti voi per un 2016 sereno e ricco di soddisfazioni.

Blog IIS Giorgi milano prof. manna

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Chiarasaracino's Blog

essere distanti

Merlin Chesters

Wizard, archaeologist, historian

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

LIVINGWOMEN

scrittura arte teatro musica scuola cultura fotografia società gender sostenibilità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: