La verità fa male.

Oggi ho letto un post su wordpress scritto da una persona che seguo da anni (non so se lei ricambia) e di cui non farò il nome, in cui c’erano una enormità di bugie e falsità sulla riforma costituzionale. Ho scritto un mio commento per smentire queste falsità, usando un tono pacato e cercando di non offendere nessuno. Purtroppo, dopo che il commento è apparso sotto al post, è stato cancellato. Non era in attesa di moderazione anche perché avevo già scritto dei commenti sui suoi post né il mio commento può essersi perso o può essere scomparso da solo. Evidentemente la verità fa male a chi vuole diffondere disinformazione, a chi vuole convincervi a votare No senza argomenti validi e a chi usa ogni mezzo, lecito e non, per danneggiare gli avversari politici. Ho copiato il suo post e il mio commento e li pubblico qui di seguito per farvi rendere conto in quali mani rischiamo di finire fidandoci dei grillini e di gente simile.

Questo è il post:

“Questa mattina, dopo aver dato da bere al mio orto, tenuto a bada le lumache e sorriso a questo splendido e inaspettato sole; mi sono messa a “studiare” la riforma costituzionale e il #referendum del prossimo 4 Dicembre.
Mi sintonizzo su #RadioRai5 classica e inizio a leggere.

Ovviamente mi ripeto di rimanere imparziale e di non pensare che la legge ha il nome della #Boschi e il governo quello di #Renzi .. perché altrimenti potrei avere una seria crisi respiratoria e potrei chiudere gli occhi e non riaprirli più.

Allora .. cosa vedo?

Il referendum è senza quorum: significa che non ci sarà bisogno di un numero minimo di votanti per considerarne valido l’esito.

Ma continuo a “studiare”.

Un significativo cambiamento per il #Senato e una serie di altre modifiche al funzionamento dello #Stato.

Prevede l’immunità parlamentare per i senatori ..

Caspita: i consigli regionali invieranno al Senato i loro “colleghi” che rischiano di essere processati .. ?

mah continuo ..

poi mi vengono in mente gli effetti che tutto questo potrebbe comportare ..

Inizio ad immaginare città abbandonate, campi inariditi e desolazione. Come il film#ThebookofEli l’opera di#Allen ed #AlbertHughes, interpretato da#DenzelWashington, che si incentra sulla vita del guerriero e profeta Eli. La sua missione, ispiratagli da una voce che sente distintamente, lo porta a viaggiare per una nuova America dove primeggia la regressione della società umana, nonché la perdita della speranza.

La riforma del Senato, della legge elettorale “#Italicum”, comporta l’opocalisse

Un brivido mi fa sobbalzare ..

Questo è il famoso “#combinatodisposto”. Si rischia di creare una Camera molto forte dominata da un partito di maggioranza che ha un numero di seggi del tutto sproporzionato rispetto al consenso ottenuto alle elezioni.

Amu capitu ???????

La riforma rischia di produrre un sistema “oligarchico” in cui il governo riceve la fiducia da un’unica camera, dove la maggioranza dei seggi è assegnata a una forza politica che rischia di essere sostanzialmente minoritaria nel paese.”

Questo è il mio commento:

“Il referendum è senza quorum perché lo stabilisce la legge attuale che sia così. L’immunità parlamentare è in vigore da anni sia per la camera che per il senato. La riforma non né introduce di nuovi ma, anzi, riduce a 100 i senatori che ne avranno diritto. I consiglieri regionali che diventeranno Senatori, verranno nominati secondo criteri ancora da stabilire che saranno legati ai voti presi nelle elezioni regionali o si introdurrà nella scheda elettorale la possibilità di scegliere il consigliere da mandare al Senato. Nessuno verrà scelto dai “colleghi”, tanto meno quelli che rischiano di essere processati (che comunque sono innocenti fino a una condanna definitiva). La legge elettorale è già stata approvata e non è soggetta al referendum quindi non c’entra nulla con la riforma costituzionale. Non esiste alcun rischio di un’eccessiva concentrazione di potere ma il partito che prenderà più voti potrà finalmente governare senza dover fare inciuci o cedere ai ricatti dei partitini del 3%. Non so dove hai “studiato” la riforma costituzionale (forse sul Fatto quotidiano?) ma nulla di quello che scrivi è vero. L’onesta intellettuale è auspicabile ma non è obbligatoria però diffondere disinformazione è scorretto. Da quello che dici sulla Boschi e Renzi si capisce che il tuo No è dovuto solo a odio o antipatia nei loro confronti. Condizionare il futuro delle istituzioni, la semplificazione e la stabilità del governo a una antipatia personale è egoista e privo di ogni logica. Preferisci dunque che tutto resti com’è, che si cambi un governo (in media) ogni anno, che non si possano fare le leggi che tutto il paese attende perché una minoranza del 2 o 3% si mette di traverso e impedisce i lavori parlamentari? Preferisci l’instabilità e l’ingovernabilità e la conseguente sfiducia degli investitori internazionali a un paese moderno e in linea con gli altri paesi la cui economia va bene e la disoccupazione e minima? Se preferisci lasciare l’Italia nel pantano in cui è stata negli ultimi 70 anni, peggio per te. Io voto Sì e invito tutte le persone che amano questo paese e non si lasciano accecare dall’odio o dalle chiacchiere dei populisti, a fare altrettanto.”

Non c’è nel mio commento nulla che giustifichi la cancellazione. L’unica spiegazione è la paura che la verità venga diffusa e l’incapacità di sostenere le bugie di fronte a gente che non si fa infinocchiare dalle chiacchiere dei comici e dei politici in mala fede.



Annunci

Informazioni su Antonio Tomarchio

Poeta e scrittore. Autore dei libri "Il Robot e altre storie" e "Il Mostro". Vedi tutti gli articoli di Antonio Tomarchio

15 responses to “La verità fa male.

  • Laura

    Poteva almeno ribattere e rispondere al tuo commento, ognuno la pensa a modo suo, io queste cose non le capisco, un abbraccio caro Antonio, buon weekend!

  • Antonio Tomarchio

    La tizia ha risposto al mio commento ma ha censurato la mia replica quindi la pubblico qui.
    “Io non ho scritto le mie sensazioni ma quello che dice la riforma e che tu avresti già letto se fosse stato vero che la stavi “studiando”. L’arroganza e la cattiveria si trovano nelle menzogne, mai nella verità. Infatti queste tue parole sono piene di cattiveria e risentimento: “mi ripeto di rimanere imparziale e di non pensare che la legge ha il nome della Boschi e il governo quello di Renzi… perché altrimenti potrei avere una seria crisi respiratoria e potrei chiudere gli occhi e non riaprirli più”.
    La tua laurea, in quale parte della riforma ti ha fatto leggere che “i consigli regionali invieranno al Senato i loro colleghi che rischiano di essere processati”? Non è scritto in nessun posto.
    Queste sono le stesse parole della propaganda grillina che tu hai riportato pedissequamente dimostando da dove viene la tua conoscenza della riforma costituzionale. Le parole sono chiare e svelano i pensieri che le hanno create. Dal tuo post, anche un bambino capirebbe il perché del tuo No e la fonte delle tue informazioni.”

  • tramedipensieri

    Tra tutti i pareri su questo bene-amato referendum questo di Willy mi trova in sintonia.
    A saper scrivere come lui…
    https://willyco.wordpress.com/2016/10/12/i-miei-motivi/

    Concordo: la verità fa male, molto male.

    ciao Antonio
    .marta

    • Antonio Tomarchio

      Ho letto le ragioni dell’autore del post e ho notato che non c’entrano nulla con quelle degli altri. Lui voterebbe no perché pensa che l’attuale forma di governo dia più garanzie. È la sua opinione e la rispetto, almeno non si è inventato cose tipo “si estende l’immunità anche ai consiglierei regionali”. Io la penso diversamente e ho già spiegato che il sistema attuale non permette di governare bene e stabilmente mentre la riforma fa un passo avanti nella direzione di garantire più stabilità. Inoltre il sig. Willy è un politico di fede Bersaniana quindi è ovvio che vuole votare no.
      https://willyco.wordpress.com/2016/10/10/la-dittatura-del-presente/

    • Antonio Tomarchio

      Vai a leggere i miei commenti al suo post e ti renderai conto anche tu che il signor willy alla
      fine parla solo dell’Italicum e non della riforma, dimostrando di non averci capito nulla. L’italicum è già la nostra nuova legge elettorale e il No alla riforma non la cambierà.

  • Non solo parole

    Dispiace leggere certi post e soprattutto vedere che chi è a favore di politici che ostentano tanto la trasparenza e l’onestà poi censurano i commenti. Questo comportamento di certo è molto lontano dalla chiarezza e libertà di pensiero. Chi parla a senso unico senza confrontarsi con altri, ma solo con chi la pensa allo stesso modo, fa intuire perché Grillo, quando dice “decidete con lo stomaco”, ha capito chi è il suo pubblico. Ribadisco che il referendum è molto importante per il nostro paese e che non ha nulla a che vedere con Renzi, Bersani, Berlusconi, ecc. Il referendum va votato in base al suo testo e non in base a chi lo ha proposto. Non si vota per essere a favore di Renzi o contrario a Renzi, si vota per cercare di cambiare il nostro paese che è ormai in uno stallo da anni. Non possiamo precluderci la possibilità di provare a cambiare e presentarci in Europa alla pari di altri paese senza essere sempre il fanalino di coda. Non possiamo chiudere le porte del nostro futuro senza aver provato a cambiare. Qualunque sia il cambiamento sarà comunque un nuovo inizio. Il NO lo conosciamo già e ci porterà solo alla deriva. Per avere un altra possibilità dovremmo attendere 10/15 anni e il nostro paese non può più attendere, i giovani non possono più attendere.

  • Antonio Tomarchio

    Hai ragione cara Maria, spero che tanti altri lo capiscano perché è davvero sconfortante votare un governo e assistere impotenti alla sua fine per colpa dei Bertinotti, degli Scilipoti o dei Mastella di turno. Sarebbe bello votare un governo e vederlo lavorare serenamente per il bene dell’Italia senza che ci siano partitini o singoli parlamentari in grado di ricattarlo. Forse un giorno, anche chi vuole votare No, lo capirà ma speriamo che accada prima del 4 dicembre altrimenti chissà quanti secoli dovranno passare prima che si riesca a modernizzare il nostro paese.

  • Non solo parole

    Purtroppo caro Antonio c’è troppa disinformazione e quella poca informazione che c’è non è super partes. In questi giorni leggendo sui vari social, vedendo i talk show, mi sono resa conto che la gente nutre tanto rancore, è accecata dal risentimento, sembra quasi sotto ipnosi, non riesce ad essere lucida e razionale. Io rispetto ogni decisione anche se non la condivido perché in quel no vedo solo catastrofe. Spero, come dici tu, che prima di giorno 4 lo capiscano , magari provando a leggere cosa prevede il referendum, ma non su un quotidiano o giornale online, su quelli si apprendono solo pareri e opinioni giornalistiche spesso molto lontani dalla verità e dal giusto.
    Un abbraccio
    Maria

  • Consu

    Ciaoo ti va di seguirmi? Ricambio! Buona giornata

  • tachimio

    Caro Antonio sono dalla tua parte. Troppa gente è in malafede in questo paese e trasformare il referendum in un pro o contro Renzi lo trovo un gioco puerile. La Costituzione va migliorata per snellire e rendere più moderno un Paese che cambia come cambiano i tempi. Anche i suoi padri fondatori , intelligenti, direbbero oggi la stessa cosa. Un abbraccio. Isabella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ Freelance illustrator/cartoonist 👩‍🎨 🇮🇹 🌙 26 🔮

Blog IIS Giorgi milano prof. manna

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

chiarasaracino's Blog

essere distanti

Merlin Chesters

Wizard, archaeologist, historian

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: