Com’è strano l’amore

mani
Lo senti com’è strano il mare
Col suo infinito dondolare?
Ti prende tra le sue braccia
E sembra ti voglia cullare.
Lo vedi com’è strano il cielo
Che si veste d’azzurro e di nero?
Che ti bagna, ti scalda
E ti regala un sorriso vero
Lo vedi com’è strana la vita?
Che fra cielo e mare
Ci dona gioia e dolore
E una speranza infinita.
Lo vedi com’è strano l’amore?
Ti salva quando stai per morire
Ci lascia, ci riprende
Ci rende felici per poi farci soffrire.

 

Annunci

Informazioni su Antonio Tomarchio

Poeta e scrittore. Autore dei libri "Il Robot e altre storie" e "Il Mostro". Vedi tutti gli articoli di Antonio Tomarchio

9 responses to “Com’è strano l’amore

  • caterina rotondi

    Tantissimi auguri di buon anno Antonio.
    Caterina

  • TADS

    versi bellissimi ma io credo l’amore non esista, è una proiezione, uno stato d’animo non garantista, il vero oppio dei popoli.

    • Antonio Tomarchio

      L’amore esiste. Lo vediamo tutti i giorni quando una madre o un padre si sacrificano per i loro figli, quando un figlio si occupa dei suoi anziani genitori, quando dei fratelli si sostengono e si aiutano l’uno con l’altro. Lo vediamo quando dei coniugi o dei fidanzati affrontano insieme le avversità della vita e si aiutano vicendevolmente. L’amore è sempre davanti ai nostri occhi anche quando vediamo qualcuno accarezzare un cane o un volontario che serve il pranzo alla mensa dei poveri. L’amore non è solo quello tra un uomo e una donna, non è solo quello che scrivono i poeti o che cantano i cantanti. L’amore è dappertutto. “L’amor che move il sole e l’altre stelle”, l’amore è forse l’unica ragione per cui vale la pena vivere ed è sicuramente l’unica cosa che la renda accettabile. Sono sicuro che tu non pensi realmente che l’amore non esista ma soprattutto non posso credere che tu non l’abbia mai provato. Grazie del commento.

      • TADS

        Veramente io mi riferivo all’amore di coppia, no, questo non esiste, l’amore di coppia è una parabola psicologica che compie un excursus nelle fragilità umane. Una landa in cui spesso l’altruismo si muta in egoismo, rende deboli, irrazionali, genera pulsioni negative e devasta. A 59anni suonati e senza particolari esperienze negative all’attivo, penso veramente che non esista. Non sono nemmeno l’unico, ho dalla mia parte i più grandi filosofi della storia e, non ti stupire, i più avveduti psicologi. Quando dico che è l’amore l’oppio dei popoli, non la religione, mi riferisco al diffuso bisogno di sognare, soprattutto tra le fasce più deboli. In un celeberrimo faccia a faccia tra Minoli e Agnelli, alla domanda: “Avvocato, cos’è l’amore”, seguì una risposta glaciale: “innamorarsi è roba da camerieri”. Io sono molto meno arrogante ma non poi così distante, non è affatto l’amore l’asse intorno al quale ruota il mondo e quindi l’umanità..

      • Antonio Tomarchio

        Non mi meravigliano le parole di uno come Agnelli. Se non sei capace d’amare, difficilmente riceverai amore e c’è gente che è incapace di provare sentimenti. Io conosco coppie che si sono amate per tutta la vita e sono morti quasi contemporaneamente perché incapaci di vivere l’uno senza l’altra. Io stesso ho amato e sono innamorato. Sono stato amato e sono amato. So che esistono persone che non hanno mai amato e che non sono mai state amate e quando dicono che l’amore non esiste, perché non l’hanno mai provato, non posso che provare tristezza per loro perché l’amore è una una cosa meravigliosa. Un uomo ricco come Agnelli, per ironia della sorte, era in realtà un uomo povero perché non è mai stato amato se non per i suoi soldi.

      • TADS

        illustre Antonio Tomarchio, ti invito a dare un taglio meno integralista alla questione. Chi non crede nell’amore non è né triste, né depresso nè si sente monco o privato di chissà cosa. Io rispetto la tua opinione, ho espresso un parere da uomo pratico, razionale e lasciamelo dire, professionalmente testimone delle devastazioni provocate dall’amore. Non penso che gli amanti dell’amore siano fessi o poveri d’animo ma nemmeno voglio essere considerato tale io. Non provare tristezza per chi vive felice e sereno con priorità diverse dalle tue, io ne ho provata tanta per le vittime dell’amore. Agnelli è solo un esempio, l’amore coinvolge chi non ha interessi più stimolanti, la quasi totalità della popolazione, una vita decorosa ma magari noiosa e monotona può essere scossa sicuramente da un coinvolgimento sentimentale ma è un surrogato, un palliativo, un miraggio, una chimera, un sogno. Esistono persone che per vivere bene non hanno bisogno di ancore né di cedere pezzi di se stessi ad altri, biasimarli significa essere concettualmente miopi.

      • Antonio Tomarchio

        Mi è sembrato che tu, dall’alto di un piedistallo che ti sei autocostruito, giudicassi come esseri inferiori le persone che credono nell’amore. Mi è sembrato che tu li considerassi menti inferiori ottenebrate dall’oppio e incapaci di raggiungere un livello intellettivo tale da accorgersi che l’amore è solo una invenzione. Mi è sembrato che tu considerassi “deboli”, “irrazionali” e “sognatori” le persone che amano e credono nell’amore. Io però non ho mai detto di considerare tristi e depressi quelli che non credono nell’amore, ho scritto che sono io triste per loro perché per me l’amore è una cosa meravigliosa che tutti dovrebbero provare. Nei tuoi commenti mi è sembrato di capire che grandi poeti, scrittori, filosofi, che hanno raccontato le gioie e i dolori dell’amore e hanno scritto opere indimenticabili, siano paragonabili a “camerieri”. Mi è sembrato che quelli che amano siano considerati, da te, soltanto dei sognatori sopraffatti dalla genialità e dalla razionalità di psicologi (quali?) che essendo incapaci di provare e capire l’amore vengono collocati di diritto in una élite di semidei che sovrastano con il loro pensiero razionale quei miseri esseri illusi nel provare un sentimento che non esiste. Mi è sembrato… ma potrei aver frainteso. Tu affermi che l’amore non esiste e dici che io sono integralista, dici di essere “professionalmente testimone delle devastazioni provocate dall’amore” (se l’amore non esiste come fa ad essere devastante?), mi consigli di non provare tristezza per chi non ama ma affermi di averne provata tu per le “vittime” dell’amore. Mi dici di non biasimare chi non ha mai amato e affermi che “l’amore coinvolge chi non ha interessi più stimolanti, la quasi totalità della popolazione” (l’integralista sarei io?). Le nostre vite noiose e monotone hanno bisogno di un palliativo, di un sogno (miraggio, chimera etc etc) ed io sarei concettualmente miope a biasimare queste menti superiori che vivono felicemente nel loro Olimpo di illuminati. Mi chiedo quindi cosa vuoi da me e perché cerchi di convincermi a pensarla come voi. Pensi di far parte di una élite di illuminati? Goditi il tuo posto nel tuo Olimpo e non disturbarmi ulteriormente con concetti che la mia mente non è in grado di capire ma soprattutto lascia che io invece mi goda le mie illusioni, i miei sogni e quella infinità di emozioni che solo l’amore può darmi senza togliere nulla a chi la pensa diversamente da me. Una buona serata.

      • TADS

        ti chiedo scusa, non intendevo disturbarti, mi interessava un confronto costruttivo, io tendo a esprimere le mie idee con una certa veemenza per evitare pipponi infiniti, nessun piedistallo e nessun Olimpo. Buona vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ Freelance illustrator/cartoonist 👩‍🎨 🇮🇹 🌙 26 🔮

Blog IIS Giorgi milano prof. manna

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

chiarasaracino's Blog

essere distanti

Merlin Chesters

Wizard, archaeologist, historian

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: