Archivi tag: gioia

Com’è strano l’amore

mani
Lo senti com’è strano il mare
Col suo infinito dondolare?
Ti prende tra le sue braccia
E sembra ti voglia cullare.
Lo vedi com’è strano il cielo
Che si veste d’azzurro e di nero?
Che ti bagna, ti scalda
E ti regala un sorriso vero
Lo vedi com’è strana la vita?
Che fra cielo e mare
Ci dona gioia e dolore
E una speranza infinita.
Lo vedi com’è strano l’amore?
Ti salva quando stai per morire
Ci lascia, ci riprende
Ci rende felici per poi farci soffrire.

 

Annunci

L’ABC della felicità.

margherita-e-prato

Ringrazio la mia amica Bea (https://viaggiandoconbea.wordpress.com/)  per avermi nominato in un nuovo premio ideato da Carla (https://ladimoradelpensiero.wordpress.com/)   “L’ABC della felicità… dì la tua.”
Le regole sono le seguenti:
Utilizzare il logo, menzionare l’ideatrice, ringraziare chi nomina, esporre il proprio ABC, nominare dieci blog, avvisare i nominati.
Non esistono ricette per la felicità e un semplice ABC non è sufficiente a trattare l’argomento in modo esaustivo, ognuno di noi ha una sua opinione che può essere più o meno condivisibile.  Poeti, filosofi, uomini e donne comuni, hanno cercato di dare una spiegazione alla felicità, hanno cercato di capire e spiegare cosa può renderci felici e ognuno ha espresso il proprio pensiero al riguardo. Migliaia di aforismi hanno cercato di racchiudere in poche parole il senso di un’emozione rara, che dura solo un istante e che spesso viene confusa con altri stati d’animo.
Io non credo e non pretendo che il mio pensiero debba essere necessariamente condiviso ma proverò a scrivere quello che è per me la felicità.
La felicità è la più forte e intensa emozione che si possa provare, è quella che ci fa avere delle reazioni strane e che può anche farci piangere. A causa di questa sua forza è impossibile immaginare di provarla sempre, tutti gli istanti della propria vita. Chi dice di essere felice, in realtà, confonde la serenità, la pace interiore, la gioia, lo star bene e il non avere problemi, con la felicità.
Io credo che la felicità sia il raggiungimento o l’appagamento di un desiderio, sia la realizzazione di un sogno, ottenere qualcosa per cui abbiamo lottato e ci siamo impegnati. Ad esempio: Riuscire a conquistare la donna/uomo che tanto desideravamo, ricevere un regalo cui avevamo rinunciato perché ci sembrava impossibile da ottenere, una vincita, una guarigione, un ritorno, un viaggio. Anche l’amore può renderci felici ma quella meravigliosa sensazione di toccare il cielo con un dito dura solo un momento.
So che molti di voi pensano di essere felici, credono di avere tutto e di non aver bisogno di nient’altro, ma se questa per voi è la felicità, forse non avete mai provato quella vera.
Siete tutti nominati.

Scivola via …

scivola via
La mia vita scivola via
dai sogni mai fatti,
dalle mie mani,
da letti disfatti,
dall’ombra di un pino,
da un ricordo lontano.
Scivola via
come rugiada
dalla tua fotografia,
da una carezza mai data,
dalla gioia tanto attesa,
se ne va via
come il fumo di una sigaretta
svanisce nel nulla
sempre più in fretta
e vola via da me
come pensieri già fatti,
come quei desideri
rimasti insoddisfatti.

Il Muro

il muro
Giorni vuoti
come queste stanze
dove l’eco del passato
risuona come i miei passi,
giorni inutili
come queste finestre chiuse
ed il mondo li fuori,
dove il sole splende
sulle onde del mare,
dove il profumo dei fiori
riempie l’aria e i prati di farfalle,
dove, all’ombra di un bosco,
un’infinita gioia di vivere,
ma un muro troppo grande
nasconde il sole
e il profumo dei boschi,
qui l’aria non ha più odore,
nulla penetra qui dentro,
in questo vuoto immenso
dove il battito del cuore
annega nel silenzio
e lungo le vene
scorre un intenso dolore,
scorre l’amaro
di una vita non vissuta,
scorre il rimpianto
di una gioia mai goduta
e nel buio la disperazione
come pugni chiusi,
come momenti perduti
straziano l’anima.
I sogni mai realizzati
sono quadri impolverati
su queste pareti,
su questo grande muro
che mi separa dal mondo,
che mi fa sentire diverso,
che mi rende un mostro
ma mi fa vivere lo stesso.

Non c’è niente

non c'è niente

Non ho mai  avuto
ciò che ho voluto,
non ho mai avuto
un vero amico
né un vero amore,
non ho più gioia,
non ho più dolore,
soltanto noia
che allaga le mie ore,
non c’è niente
che colmi il vuoto del mio cuore
non c’è niente
che mi dia un po’ di calore,
non c’è più niente
in quest’attimo di vita,
non c’è più niente
che compensi la fatica
che possa far rinascere
quella speranza infinita,
la mia vita sta passando
e mi resta soltanto il rimpianto,
l’amara insofferenza
per la mia inutile esistenza.

Sono qui

sono qui

Sono rimasto qui
a guardare la vita
riflessa in uno specchio,
a vedere il mondo girare
dietro la vetrina di un negozio,
sono rimasto ad aspettare
per vedere se qualcuno
si ricorda ancora di me,
se dietro quel monte
sorge sempre il sole,
se c’è ancora una nuvola
su cui potersi posare,
per sapere finché posso continuare
a stare qui fermo a guardare.

La Lettrice Assorta

"Non ci sono libri morali o immorali. Ci sono libri scritti bene e scritti male" (Oscar Wilde)

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Blog IIS Giorgi milano prof. manna

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

chiarasaracino's Blog

essere distanti

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: